missione parlamentare per la pace in Palestina

Questa mattina venerdì 1 agosto il parlamentare Cremonese On. Franco Bordo è partito per la Palestin...

Referendum: iniziative a Cremona e Crema

Doppia possibilità per approfondire i motivi e le ragioni dei 4 referendum contro l'austerità attorn...

Riforma del Senato: la battaglia di SEL

La decisione del Governo Renzi e della strana maggioranza PD-Forza Italia di porre la ghigliottina a...

Crema: aperitivo di tesseramento

  Venerdì 25 luglio alle 18.30 presso il Circolino in via Montello 25 a Crema Ricomincio da SEL A...

Quote latte: SEL sollecita il Governo

QUOTE LATTE: SEL, GOVERNO IN RITARDO NEL RECUPERO SOMMERISCHIAMO DEFERIMENTO CORTE EUROPEA Il Gover...

  • missione parlamentare per la pace in Palestina

    Venerdì 01 Agosto 2014
  • Referendum: iniziative a Cremona e Crema

    Lunedì 28 Luglio 2014
  • Riforma del Senato: la battaglia di SEL

    Venerdì 25 Luglio 2014
  • Crema: aperitivo di tesseramento

    Venerdì 25 Luglio 2014
  • Quote latte: SEL sollecita il Governo

    Giovedì 24 Luglio 2014

selcremona.it

missione parlamentare per la pace in Palestina

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Federazione Provinciale

Scritto da Federazione Provinciale Venerdì 01 Agosto 2014

Questa mattina venerdì 1 agosto il parlamentare Cremonese On. Franco Bordo è partito per la Palestina per un viaggio di 4 giorni con una delegazione composta dall'intergruppo di cui fa parte dei “Parlamentari per la Pace”, ricevendo per l'occasione il mandato dal Sindaco di Cremona Gianluca Galimberti di rappresentare le preoccupazioni dell'Amministrazione Comunale e dei cittadini Cremonesi, circa la necessità di ristabilire la pace in quelle terre martoriate.

ecco la nota inerente il viaggio scritta dallo stesso On. Bordo

Scopo della missione è di interloquire sia con rappresentanti dell'Autorità Nazionale Palestinese che del Parlamento Israeliano, oltre che numerose associazioni palestinesi e israeliane per spingere le due parti ad un cessate il fuoco duraturo che ponga fine ai tragici eventi in corso nella striscia di Gaza, che ogni giorno fanno aumentare in modo esponenziale il numero di vittime tra i civili palestinesi, tra i quali centinai di bambini.

 

Referendum: iniziative a Cremona e Crema

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Attività Politiche

Scritto da Federazione Provinciale Lunedì 28 Luglio 2014

Doppia possibilità per approfondire i motivi e le ragioni dei 4 referendum contro l'austerità attorno ai quali si sta raccogliendosi un vasto fronte di sostegno, dalla politica al sindacato, dall'associazionismo alla società civile, ecco lo stesso appuntamento replicato sia a Cremona che a Crema per permettere a tutti di partecipare.

lunedì 28 luglio

a Cremona: ore 18.00 presso la saletta di Spazio Comune in Piazza Stradivari

a Crema: ore 21.00 presso il salone della Camera del Lavoro in via C.Urbino 9

 

Stop all'Austerità: 4 referendum per lo sviluppo e per il lavoro

iniziative pubbliche sull'iniziativa referendaria con

On. Giovanni Paglia (Capogruppo SEL in Commissione Finanze)

Mimmo Palmieri (Segretario Provinciale della CGIL di Cremona)

 

 

Riforma del Senato: la battaglia di SEL

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Federazione Provinciale

Scritto da Federazione Provinciale Venerdì 25 Luglio 2014

La decisione del Governo Renzi e della strana maggioranza PD-Forza Italia di porre la ghigliottina all' 8 di agosto sulla discussione in merito alla riforma costituzionale del Senato è una violenza alla democrazia, in discussione non c'è un decreto legge qualsiasi, stiamo parlando di una riforma costituzionale che nulla centra con l'uscita dalla crisi economica, e per la quale quindi non c'è alcuna reale urgenza. In merito ai contenuti di questa riforma non vi è alcun dibattito, ma solo propaganda di bassa lega attorno a chi vuole le riforme e chi non le vuole, a prescindere dal contenuto delle stesse.

Sinistra Ecologia Libertà ritiene un oltraggio alla democrazia che un parlamento, per giunta eletto con una legge elettorale dichiarata incostituzionale, si improvvisi assemblea costituente, e nel giro di pochi mesi, pretenda di mettere mano in modo così invasivo alle istituzioni repubblicane, tarpando ogni forma di discussione e approfondimento, in virtù di una fretta utile solo alla pubblicità personale del Presidente del Consiglio.

 

Crema: aperitivo di tesseramento

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Eventi

Scritto da Circolo di Crema e Cremasco Venerdì 25 Luglio 2014

 
Venerdì 25 luglio alle 18.30 presso il Circolino in via Montello 25 a Crema

Ricomincio da SEL

Aperitivo di tesseramento del Circolo SEL di Crema e Cremasco per fare il punto sulla situazione politica, per confrontarsi sul futuro di Sinistra Ecologia Libertà e semplicemente per ritrovarsi e fare quattro chiacchiere assieme e ovviamente per fare la tessera 2014.
  
 
alt
 

Quote latte: SEL sollecita il Governo

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Federazione Provinciale

Scritto da Federazione Provinciale Giovedì 24 Luglio 2014

QUOTE LATTE: SEL, GOVERNO IN RITARDO NEL RECUPERO SOMME
RISCHIAMO DEFERIMENTO CORTE EUROPEA

Il Governo é in enorme ritardo nell'attivare le procedure per il recupero delle somme dovute, circa 1,4 miliardi di euro, da quella minoranza di allevatori che, sforando nella produzione concessa, hanno prodotto una distorsione del mercato e pratiche di concorrenza sleale nei confronti della stragrande maggioranza di operatori onesti.

Lo afferma il capogruppo di Sel in Commissione Agricoltura Franco Bordo.

Nella risposta al Question Time in Commissione Agricoltura presentato dal sottoscritto per conoscere le azioni in atto da parte del Governo finalizzate a rispondere alla procedura d'infrazione avviata dalla Commissione Europea per il mancato recupero di quelle somme, il Governo ha affermato che saranno messe in campo tutte le azioni necessarie finalizzate al recupero dei crediti esigibili, tenedo in debita considerazione che ne risultano anche di non esigibili.

 

Salvo il TAR di Brescia: fermato il Governo

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Federazione Provinciale

Scritto da Federazione Provinciale Mercoledì 23 Luglio 2014

Salva la sezione del TAR di Brescia, garantita la salvaguardia della presenza territoriale di un servizio pubblico fondamentale, l'accesso alla giustizia.

Questa mattina il tentativo del Governo, nell'ambito dei provvedimenti sul riordino della pubblica amministrazione, di sopprimere tutte le sezioni distaccate dei Tribunali Amministrativi Regionali, è stato fermato alla Camera dei deputati grazie ad una efficace battaglia parlamentare, caratterizzata da una serrata discussione e da alcuni emendamenti presentati da Sinistra Ecologia Libertà. Il Governo è stato costretto ad addivenire ad una mediazione e fare salve almeno le sezioni distaccate dei TAR presso città sedi di Corte d'Appello.

 

Presidio per la Pace a Cremona, SEL aderisce

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Ultime Notizie

Scritto da Federazione Provinciale Domenica 20 Luglio 2014

Sinistra Ecologia Libertà di Cremona aderisce al presidio organizzato per lunedì 21 luglio 2014 dalle 18.00 alle 20.00 in Piazza Stradivari, promosso dalla Tavola della Pace di Cremona ed invita tutti i cittadini ad essere presenti per affermare che il ristabilimento della Pace in Medio Oriente deve essere una priorità nell'agenda della politica Italiana ed Europea

Il testo dell'appello:

MAI PIU’ VITTIME!

PER LA PACE, LIBERTA’, GIUSTIZIA

IN PALESTINA E ISRAELE

Ogni morte ci diminuisce, ogni uomo , donna, bambino ucciso pesa sulle nostre coscienze. Vogliamo vedere i bambini vivere e crescere in pace non maciullati da schegge di piombo.

CHIEDIAMO

 

   

Caso Tamoil: risarcita la comunità Cremonese

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Cremona

Scritto da Circolo di Cremona Sabato 19 Luglio 2014

La sentenza pronunciata ieri dal Tribunale di Cremona sul caso Tamoil ha sancito la responsabilità dei dirigenti della raffineria Tamoil per disastro ambientale doloso comminando severe condanne ai responsabili e ha riconosciuto che la comunità cremonese ha patito un danno quantificato in via provvisionale in un milione di euro, salvo miglior stima.

Questa sentenza rende giustizia ai cremonesi, giustizia che l'ex Sindaco Perri e l'ex assessore Bordi non vollevano che fosse resa.

Sinistra Ecologia Liberta di Cremona, all'epoca dell'avvio del procedimento penale, sollecitò fortemente l'allora Sindaco Perri a compiere quell'atto dovuto alla cittadinanza chiedendo che il Comune si costituisse parte civile nel processo, ma l'interesse di Perri e dell'ex assessore Bordi, evidentemente, non coincideva con quello dei cremonesi, ritenendo prioritario l'impegno morale assunto nei confronti della dirigenza della raffineria.

 

Interrogazione parlamentare in aiuto della filiera Risicola

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Federazione Provinciale

Scritto da Federazione Provinciale Venerdì 18 Luglio 2014

Sinistra Ecologia libertà ha presentato un' interrogazione urgente al Ministro dell'Agricoltura Maurizio Martina a seguito dell'aggravarsi della situazione della filiera risicola nel nostro Paese a causa del crollo dei prezzi, derivante da un aumento del 360% delle importazioni di riso di qualità Indica dai paesi dell'estremo oriente, che mettono i nostri produttori nella impossibilità di coprire i costi di produzione e hanno provocato una diminuzione del 22% delle risaie in un solo anno, pari a 15000 ettari di superficie coltivata.
Sinistra Ecologia Libertà chiede che il Governo si attivi affinché in sede Europea si adottino urgentemente le clausole di salvaguardia per limitare l'importazione selvaggia di riso con scarse garanzie relativamente ai controlli e sovente affetto da criticità sanitarie, proveniente da paesi che hanno un costo di produzione improponibile per le nostre colture.
Il rischio di distruggere completamente interi territori a vocazione risicola è estremamente concreto, privando il nostro Paese di questo importante asset produttivo sviluppato su oltre 216000 ettari di territorio agricolo, che curato nei secoli, ha permesso al nostro paese di essere il primo produttore Europeo di riso, con una produzione pregiata e sicura a beneficio del consumatore finale e garantendo al contempo la conservazione ambientale di vasti territori, prevalentemente in Pianura Padana.

   

Sinistra in Festa a Gussola dal 17 al 21 luglio

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Eventi

Scritto da Circolo di Gussola e Casalasco Giovedì 17 Luglio 2014

Sinistra in festa a Gussola dal 17 al 21 luglio 2014

alt

Programma:

 

 

approvata la legge sull'Agricoltura Sociale

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Federazione Provinciale

Scritto da Federazione Provinciale Giovedì 17 Luglio 2014

la Camera ha approvato in via definitiva la legge sull'Agricoltura Sociale, legge che mi vede tra i primi firmatari e che ho contribuito a scrivere.

In Italia, il settore agroalimentare costituisce il secondo comparto economico per entità di valore aggiunto e si possono aprire spazi enormi, se il Governo, come noi di Sinistra Ecologia Libertà proponiamo, metterà in atto un vero e proprio progetto strategico rivolto all'agricoltura. Esso consiste, prima di tutto, in un piano nazionale per contrastare l'abbandono delle campagne. I punti principali del piano dovranno essere una franchigia fiscale totale per i giovani agricoltori che si insediano nelle aree demaniali in stato di abbandono, una moratoria nel consumo di suolo agricolo, obiettivo che si persegue con una legge urbanistica nazionale che fissa un tetto inderogabile e decrescente del consumo del suolo, che si consegue difendendo il reddito degli agricoltori.

Il vero salto di qualità dell'agricoltura Italiana si chiama anche agricoltura sociale.

   

Presidio davanti alla prefettura per la pace in medio oriente

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Cremona

Scritto da Circolo di Cremona Lunedì 14 Luglio 2014

Si è svolto questo pomeriggio il presidio di Sel di fronte alla Prefettura di Cremona per chiedere al Governo italiano di assumere un ruolo di pace e mediazione nella crisi israelo-palestinese.

Una delegazione, guidata dall'On. Franco Bordo e dal Coordinatore del circolo cittadino di SEL Lapo Pasquetti, ha incontrato il Prefetto dott.ssa Picciafuochi; è stata l’occasione per consegnare nelle sue mani una lettera affinché provveda a farla pervenire al Presidente del Consiglio.

un richiesta chiara al Governo italiano affinché si facci promotore in sede Europea di un immediato cessate il fuoco. Unitamente a ciò abbiamo consegnato anche una bandiera della Pace firmata da tutti i presenti al presidio così da rendere ancora più tangibile la nostra richiesta di un impegno che sia concreto, rapido ed efficace a favore della pace.

il testo della lettera consegnata al Prefetto:

 

 

SEL: quote latte una vergogna nazionale

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Federazione Provinciale

Scritto da Federazione Provinciale Giovedì 10 Luglio 2014

QUOTE LATTE: SEL, UNA VERGOGNA NAZIONALE

MARTINA FACCIA RISPETTARE LA LEGALITA’

Denuncia di Sel in Commissione Agricoltura il 24 giugno scorso

Nel giugno scorso denunciammo con una interrogazione in Commissione che la Commissione Europea prima o poi ci avrebbe chiesto il conto per la gestione allegra delle quote latte. Cosa che è accaduta oggi.

Lo afferma il capogruppo di Sel in Commissione Agricoltura Franco Bordo, firmatario dell’interrogazione a risposta in Commissione al Ministro delle Politiche Agricole.

L’Italia chiuda definitivamente con la gestione allegra delle quote latte che ha danneggiato la stragrande maggioranza degli allevatori italiani che in questi anni si sono messi in regola. La connivenza di questi anni di alcune forze di governo con quegli  allevatori disonesti non ha certamente aiutato a risolvere la questione.

   

Ferrovia Mantova-Cremona-Milano, Regione Lombardia senza soluzioni

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Federazione Provinciale

Scritto da Federazione Provinciale Lunedì 07 Luglio 2014

Il Tavolo di Confronto sui problemi della linea ferroviaria Cremona-Mantova-Milano, che si è tenuto oggi in prefettura a Cremona, lascia l'amaro in bocca. Ancora una volta i pendolari hanno riportato giustamente le criticità e la situazione insostenibile che vivono quotidianamente, ancora una volta sia Trenord che RFI hanno evidenziato che le criticità e i problemi ci sono e hanno messo in luce le misure prese per cercare di ridurre i disservizi.

il Vero nodo però è a monte, come evidenziato dal responsabile per le infrastrutture di RFI, la linea Mantova-Cremona-Milano, nel tratto tra Codogno e Mantova rappresenta quasi un caso a livello nazionale, dato che è praticamente impossibile trovare una linea così lunga, con così tanto traffico ferroviario e di passeggeri a binario singolo, cosa che comporta al ben che minimo intoppo su qualsiasi treno, una ripercussione immediata su tutta la linea.

Proprio su questo punto è stato impossibile non notare il silenzio assordante da parte di Regione Lombardia, che nonostante l'incalzare di richieste in tal senso, non ha mai voluto sia in questo tavolo che nell'ultimo decennio prendere minimamente in considerazione investimenti che andassero verso un progressivo raddoppio della linea ferroviaria nella sua interezza, limitandosi ad interventi tampone che durano al massimo una stagione e non risolvono il problema. la Regione Lombardia ha ignorato ancora una volta la questione di fondo delle scelte che ha fatto fino ad oggi, cioè di destinare il grosso dei fondi ad altre opere, abbandonando al progressivo degrado questa linea ferroviaria, che garantisce i collegamenti con tutto il sud-est della Lombardia.

 

 

Fermate la costruzione della centrale idroelettrica nella riserva naturale del Menasciutto

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Federazione Provinciale

Scritto da Federazione Provinciale Venerdì 04 Luglio 2014

La prosecuzione dell'iter autorizzativo per la costruzione di una centrale idroelettrica nella Riserva Naturale Palata Menasciutto in Comune di Ricengo è inspiegabile alla luce delle norme vigenti.

In ogni passaggio autorizzativo, vengono sistematicamente ignorati i divieti dettati dalla delibera regionale istitutiva della riserva (DCR. 28 luglio 1988 n. IV/1178), nonostante gli uffici regionali l'abbiano richiamata espressamente nel parere trasmesso alla Provincia di Cremona e al Parco del Serio come norma di riferimento, che prevale su qualsivoglia regolamento o piano stilato dal Parco del Serio o dalla Provincia di Cremona.

La Palata Menasciutto è l'unica Riserva Naturale presente nel Parco del Serio, ed è per noi inspiegabile che l'Ente non si stia adoperando per tutelare uno dei pochi angoli incontaminati rimasti nel nostro territorio, così come troviamo incomprensibile il fatto che la Provincia non pretenda il rispetto della normativa regionale.